Marchi registrati per le materie prime: migliore qualità o solo una manovra di marketing?

17.09.2019 17:06

integratori di marca

 

Cosa vuole dire marchio registrato?

Con il termine “marchio”, in diritto, si indica “un qualunque segno suscettibile di essere rappresentato graficamente (…) idoneo a distinguere i prodotti o i servizi di un'impresa da quelli delle altre.” (1)

Esso deve avere delle caratteristiche specifiche e funzionali che lo rendano unico e quindi diverso da quello di altre imprese. Tra i requisiti che un marchio deve avere per essere registrato c’è infatti la novità. L’art. 12 CPI stabilisce che:

 

“non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d’impresa i segni che alla data del deposito della domanda siano identici o simili a marchi registrati o notoriamente conosciuti, ditte e/o insegne in precedenza utilizzati per prodotti o servizi identici o simili a quelli rivendicati nella domanda di registrazione.”

 

Come capire quando un marchio è registrato?

 

La ® (Registered) può comparire a fianco di un marchio che abbia già ottenuto la registrazione e che quindi sia stato accettato a tutti gli effetti. Un marchio si considera registrato solo dopo l’iscrizione in un apposito registro da parte dell’autorità competente (UIBM, WIPO, UAM, etc.).

Differisce, ad esempio, del simbolo TM (Trade Mark) che normalmente viene usato per quei marchi per i marchi depositati, quelli cioè che hanno fatto richiesta di registrazione ma che non sono ancora stati registrati. Tuttavia, in Italia, spesso si usa il simbolo R anche nel caso di un marchio allo stato di domanda.

 

Perché alcune materie prime vengono registrate?

 

La registrazione di un marchio garantisce una tutela giuridica nei confronti di aziende concorrenti che provino a utilizzarne uno uguale o eccessivamente somigliante. La registrazione conferisce infatti diritti esclusivi di utilizzo sui Paesi d’interesse per 10 anni (rinnovabile all’infinito). Questo è essenziale per creare un monopolio sul proprio marchio e quindi vietarne l’uso a terzi, ma anche per poter difenderlo da eventuali contraffazioni nel mercato.

Come si legge sul sito dell’UIBM, il marchio rappresenta un capitale per l’azienda ed è quindi si configura come una preziosa risorsa da valorizzare e tutelare.

Nel caso specifico delle materie prime destinate agli integratori alimentati, queste vengono registrate perchè:

 
  • Esistono degli studi scientifici riguardanti quella particolare materia prima che ne attestano una superorità qualitativa rispetto ad altri ingredienti simili;
  • Sono delle varianti particolarmente stabili, caratteristica fondamentale per avere un maggiore tempo di conservazione e una maggior durata a scaffale;
  • Vengono utilizzati dei metodi di raccolta o dei processi produttivi unici;
  • Vengono coltivate in zone di denominazione d’origine controllata (e.g.: Champagne)
 

Ma quali sono le materie prime registrate che utilizziamo?

 
 

VitaMK7® (Vitamina K2) dall’Italia

Come abbiamo già visto nel nostro articolo sulla Vitamina K, esistono forme naturali (la vitamina K1 di origine vegetale e la vitamina K2 di origine batterica) e forme sintetiche (la vitamina K3) di vitamina K.

La VitaMK7® è una forma attiva di vitamina K2 ottenuta dal Natto (fermentazione naturale del batterio Bacillus subtilis). La forma MK-7, rispetto alla MK-4, è attualmente considerata quella migliore in quanto ha una maggiore biodisponibilità e circola più a lungo nel sangue.

Inoltre, la VitaMK7® garantisce la massima purezza (all-trans > 99%) e la totale assenza di impurità. Questo perché nell’altra sua forma, quella cis, la vitamina K2 MK7 è quasi completamente inefficace e inutile perché, a causa del suo orientamento geometrico, non è in grado di unirsi agli enzimi che conferiscono alla vitamina K i benefici per cui è famosa.

 

 
 

Quatrefolic® (Acido Folico attivo) dall’Italia

 

Per la nostra Vitamina B12 Plus utilizziamo Quatrefolic®, una forma attiva di acido folico: l’acido 5-metiltetraidrofolato (5-MTHF). Normalmente, infatti, le altre forme di acido folico non sono biologicamente attive e devono essere necessariamente trasformate prima di poter essere utilizzate dal nostro organismo (2).

Alcuni individui, inoltre, a causa delle loro caratteristiche genetiche, non possono convertire l’acido folico nella sua forma attiva 5-MTHF perché non producono quantità adeguate dell’enzima che interviene nella trasformazione dei folati. Questa forma si rivela particolarmente utile per i soggetti affetti da questa carenza.

Nel nostro articolo sulla Vitamina B12 spieghiamo perché è importante che venga assunta una forma attiva di tutti gli ingredienti.

 

 
 

CarniPure® (L-Carnitina) dalla Svizzera

 

Carnipure® è una forma di L-carnitina tartrato ad alto grado di purezza prodotta da Lonza in Svizzera. Questa materia prima è formata dal 68% di L-carnitina e al 32% da acido L-tartarico, che è la più alta concentrazione di L-carnitina di qualsiasi altra forma di sale non igroscopico attualmente disponibile in commercio. Viene, inoltre, considerata una forma di L-carnitina particolarmente stabile. Numero studi scientifici sull’integrazione di Carnipure® tartrato hanno dimostrato risultati positivi nell’ambito delle performance atletiche e del controllo del peso (3).

 

  carnipure



 

Rhodiolife® (Rhodiola Rosea) dalla Siberia

 

Rhodiolife® è un estratto di Rhodiola Rosea che proviene da una coltivazione sostenibile e usa tecnologie che preservano il naturale profilo fitochimico dei composti bioattivi. Viene infatti coltivato nella regione dell'Altaj, in Siberia, dove questa pianta nasce spontaneamente.

Ogni estratto, grazie a un processo produttivo standardizzato e sottoposto a numerosi controlli, ha la stessa composizione fitochimica: è infatti titolato al 3% in rosavine e al 1% in salidroside (4).

Le radici di Rodiola, inoltre, vengono raccolte in maniera sostenibile: vengono infatti selezionate unicamente radici di età superiore ai 5 anni e ne viene raccolto a mano solo il 50%. In questo modo si hanno due vantaggi: da un lato il fitocomplesso è più ricco di sostanze funzionali rispetto alle piante giovani, dall’altro si garantisce la conservazione della pianta. Le radici, inoltre, vengono raccolte dalla stessa zona solo ogni 5 anni per garantirne alle piante di Rodiola di poter ricrescere: l’impatto ambientale è quindi minimo.

 
 

KWD+ ® (Actinidia deliciosa L.) dalla Nuova Zelanda

 

Utilizziamo l’estratto di Kiwi in aggiunta agli enzimi digestivi Papaina e Bromelina nel nostro integratore sviluppato per favorire la digestione. Il kiwi, infatti, è un frutto proteolitico perché ricco di actinidina. Quest’enzima naturale è capace di scindere una vasta gamma di proteine più velocemente di quanto non riescano a fare i nostri enzimi digestivi da soli (5). È quindi importante che il contenuto di actinidina sia standardizzato. Nel caso di KWD+ ® viene garantita una titolazione del 0,15%. Questa speciale materia prima, inoltre, contiene anche Aktinnamics®, degli acidi idrossicinnamici (HCA) che avrebbero un effetto antinfiammatorio in grado di prevenire dolori durante il processo digestivo.


 

Affron® (Crocus sativus L.) dalla Spagna

 

È il primo estratto di zafferano standardizzato HPLC in Lepticrosalides® (3,5%), i composti bioattivi che aiutano il rilassamento, l'equilibrio mentale e fisico e mantengono un normale tono dell’umore. Tra le altre sostanze presenti nel fitocomplesso, il contenuto di Affron® in safranale risulta superiore al 2% UV.





 

Fonti:

  1. La definizione di cosa è un marchio è contenuta nell’art. 7 del codice della proprietà industriale (https://www.brocardi.it/codice-della-proprieta-industriale/capo-ii/sezione-i/art7.html)
  2. http://www.quatrefolic.com/quatrefolic_vs_folic.php
  3. http://www.carnipure.com/applications/
  4. https://nektium.com/branded-ingredient/rhodiolife/
  5. Kaur L., Rutherfurd S.M.,Moughan P.J., Drummond L., Boland M.J., Actinidin enhances protein digestion in the small intestine as assessed using in an in vitro digestion model, J Agric Food Chem., 2010, 58:5068-73. 
   

Prodotti menzionati


 

Vitamina K2

Integratore a base di vitamina K2 (VitaMK7®) naturale derivata dal Natto (fermentazione naturale del batterio Bacillus subtilis). Garantisce la massima purezza (all-trans > 99%) e la totale assenza di impurità.

Scopri di più >>

 

Vitamina B12 Plus

Un integratore di qualità superiore contenente unicamente forme attive. Non solo abbiamo selezionato le uniche due forme attive di B12 (Metilcobalamina e Adenosilcobalamina), ma abbiamo anche aggiunto la vitamina B6 in forma attiva (piridossal-5'-fosfato) e la vitamina B9 in forma attiva ([6S] 5-metiltetraidrofolato). Anche la Colina (o Vitamina B4) è nella forma attiva Colina bitartrato.

Scopri di più >>

 

L-Carnitina

La nostra L-Carnitina è pura e certificata (68% di L-Carnitina e del 31% di Acido Tartarico). La forma Tartrato è quella più utile per migliorare le prestazioni fisiche e sportive. Quella acetil (ALC), invece, è utilizzata per il miglioramento cognitivo

Scopri di più >>

 

Rhodiola Rosea

Integratore a base di vitamina K2 (VitaMK7®) naturale derivata dal Natto (fermentazione naturale del batterio Bacillus subtilis). Garantisce la massima purezza (all-trans > 99%) e la totale assenza di impurità.

Scopri di più >>

 

Digestion Complex

Un integratore naturale per regolare la funzione digestiva. A base di Papaina, Bromelina, Kiwi, Cumino e Cardamomo.

Scopri di più >>

 

Zafferano

L’estratto di zafferano può avere un’azione calmante ed essere utile al trattamento dei disturbi dell’umore

Scopri di più >>

07.11.2019 11:22
Il collagene vegetale esiste? E perchè quello animale non è indispendabile?
Per contrastare il processo naturale dell’invecchiamento cutaneo, moltissime persone si affidano sempre più spesso a degli integratori di collagene. Ma funziona davvero? Esiste un’alternativa vegana? Scopritelo in questo articolo!
28.10.2019 12:35
Diventare vegani: 3 buoni motivi per cambiare la tua alimentazione
Da Einstein a Da Vinci. Da Paul McCartney a Louis Hamilton. Cosa significa essere vegani? Cos’è il veganesimo? Ma, sopratutto, che benefici ci sono? Ecco le risposte alle vostre domande!
16.10.2019 11:05
Lo spreco alimentare: un problema sopratutto di noi consumatori
Si stima che – ogni anno - un terzo di tutto il cibo prodotto per il consumo umano vada perduto o sprecato. Non si tratta, però, solo di un problema ambientale, economico e sociale. Lo spreco alimentare è sopratutto una nostra responsabilità. Come possiamo cambiare le cose? Ecco alcuni piccoli accorgimenti!
08.06.2018 12:36
Curarsi con i funghi? Si può. Eccone le proprietà terapeutiche e curative.
Scopriamo insieme la micoterapia come medicina complementare e integrativa. Quali sono i benefici del nostro mix di Funghi Medicinali?  Al suo interno si trovano i funghi medicinali più potenti: Reishi, Cordyceps, Hericium, Auricularia e Shiitake.

Si prega di effettuare il log-in per scrivere un commento.