Prostatite e ipertrofia prostatica benigna (IPB): cosa sono?

08.05.2019 09:41

 

La prostata è una ghiandola delle dimensioni di una castagna che si trova al di sotto della vescica. Scopri i rimedi naturali per prevenire ingrossamento della prostata e i disturbi urinari.

 

Prostatite

 

La prostatite è un’infiammazione della prostata che interessa prevalentemente gli uomini sotto i cinquant'anni di età. Si tratta di una patologia che spesso si manifesta con difficoltà nella minzione, bruciori, stati di infiammazione e a problemi dell’apparato urinario. Esistono diversi tipi di prostatite (batterica acuta, batterica cronica, abatterica cronica e prostatite asintomatica) e la terapia nel paziente varia a seconda della forma di prostatite e richiede generalmente tempi di trattamento lunghi (4-6 settimane).

   

Ipertrofia prostatica benigna (IPB)

  

La prostatite non è da confondere con l’ipertrofia prostatica benigna (anche chiamata molto più semplicemente: “prostata ingrossata”). In questo caso, soprattutto dopo i 50 anni, la prostata tende a ingrossarsi progressivamente. Questa crescita tende a compirmere sempre di più l'uretra, creando difficoltà ad urinare. Conseguentemente, la vescica è costretta a lavorare di più per tentare di espellere l'urina e, con il tempo, anche questa tende a indebolirsi e fatica a contrarsi e decontrarsi. Per prevenire questo evento fisiologico, è importante fare attenzione alle proprie abitudini comportamentali: l’alimentazione, il regolare funzionamento dell’intestino, l’attività fisica, le abitudini sessuali e una corretta igiene sono fondamentali.

 

Quali sono i rimedi naturali che possono prevenire o aiutare a curare questi tipi di problemi?

 

Per problematiche di ipertrofia prostatica e/o prostatite è possibile ricorrere a rimedi naturali che possano favorire la disinfiammazione delle vie urinarie, facilitare la diuresi e controllare le modificazioni ormonali, come la diminuzione di testosterone e l’innalzamento di estrogeni che possono causare l’ingrossamento della prostata. Esistono infatti molti rimedi naturali che possono venire incontro ai disturbi e accompagnare le prescrizioni dell’andrologo. È infatti sempre bene sottoporsi ad una visita specialistica.

 

Tra i rimedi naturali più utilizzati figurano:   

 
  • D-Mannosio: è uno zucchero semplice (che non fornisce calorie!), naturale e adatto a tutti, anche ai bambini, ai celiaci e alle donne in gravidanza perché è privo di controindicazioni. Per poter dar luogo ad alcune infezioni delle vie urinarie, i batteri si devono attaccare alle pareti della vescica, attraverso i loro filamenti (lectine). Il D-Mannosio ha una struttura tale da attirare le lectine dei batteri che, preferendo il D-Mannosio alla parete della vescica, si uniscono a questo zucchero e ne rimangono intrappolati. Vengono poi eliminati attraverso la minzione. Il D-Mannosio si assume a stomaco vuoto e dopo aver urinato. Non si ingeriscono né cibo né liquidi per circa un'ora, in modo da concentrare il prodotto nelle urine. Successivamente si deve bere abbondantemente per svuotare la vescica ed eliminare lo zucchero e i batteri. Quest’operazione si deve ripetere continuamente, soprattutto in fase curativa, per assicurare una protezione costante alla vescica. Può essere assunto in polvere o in capsule.
  • Serenoa Repens: è ricca di steroli, flavonoidi e carotenoidi. Essa, andando ad inibire l’attività 5-alfa-reduttasi, l’enzima che trasforma il testosterone in diidrotestosterone, è indicata in caso di disturbi della minzione dovuti a iperplasia prostatica benigna. Ha infatti un’azione decongestionante e spasmolitica. Grazie ai suoi effetti a livello ormonale, può essere utile anche per contrastarla anche in caso di alopecia ormonale.
  • Ortica Dioica: svolge un’attività diuretica, astringente e antiprostatica, contribuendo anch’essa all’inibizione del 5-alfa-reduttasi. È indicata in caso difficoltà nella minzione perché favorisce l’aumento del volume delle urine e il flusso.
  • I semi di Zucca: sono uno dei migliori rimedi antichi per infiammazioni dell'apparato urinario. Oltre ad essere diuretici, concorrono all’attività antinfiammatoria, soprattutto rivolta al tessuto prostatico.
  • Epilobo: agisce anch’esso come antibatterico e diuretico, proteggendo attivamente il sistema urinario.


 
   

Prodotti consigliati


prostatite

Prostaid Complex

Il nostro nuovo complesso per la prostata completamente naturale a base di Serenoa Repens (25% acidi grassi), semi di Zucca (50% acidi grassi), Ortica ed Epilobio.

Scopri di più >>

 

 

D-Mannose Complex

Il nostro prodotto a base di D-Mannosio, Vitamina C e Mirtillo Rosso contro le infezioni alle vie urinarie (maschili e femminili).

Scopri di più >>

13.02.2020 09:24
Ashwaganda: quali sono i benefici di questo rimedio ayurvedico?
L’Ashwagandha è una delle piante medicinali tradizionali più conosciute della medicina ayurvedica. Questa bacca, anche chiamata Withania somnifera, ha numerose proprietà benefiche per la nostra salute. Ma quali? Scopriamole insieme!
07.02.2020 15:00
L’universo della medicina Ayurvedica: alla scoperta dei suoi principi e dei suoi benefici
Secondo l’antica medicina Ayurvedica in ogni individuo ci sono diverse energie vitali chiamate Dosha. Sapevate che i vostri tratti distintivi sono determinati dal vostro Dosha? Le 3 tipologie di Dosha si chiamano Vata, Pitta e Kapha ed ognuna ha delle caratteristiche ben precise. E voi quale Dosha siete? Scopriamolo insieme!
31.01.2020 15:25
Cosa succede al nostro corpo quando si smette di prendere la pillola?
Ma cosa succede esattamente al nostro corpo quando si interrompe l'assunzione della pillola? Scoprine di più! Non allarmarti, perchè c'è una soluzione! 
23.01.2020 15:57
Squilibrio ormonale: 8 sintomi da non sottovalutare
Imparare a riconoscere precocemente i segnali di un possibile squilibrio è fondamentale per poter risolvere il problema e non vivere a disagio con il proprio corpo. Molte donne ne soffrono senza saperlo. Cosa succede se ci sono troppi o troppo pochi ormoni nel nostro corpo? Un loro squilibrio può avere diverse conseguenze. Scopriamole insieme. 

Commenti

In generale unalimentazione a base vegetale e a basso contenuto di grassi (inferiore al 20% del totale calorico) aiuta molto a ridurre i sintomi della prostatite. Qui trovi un breve articolo di approfondimento

Marco B., 2019-07-24 11:47:45
Risultati totali: 1

Si prega di effettuare il log-in per scrivere un commento.